Radicalmente avanti Radicalmente avanti
Partito Democratico | Beppe Sala

Citta’ del lavoro

Lavoro

 

LOTTA ALLA DISOCCUPAZIONE GIOVANILE:

Il primo problema è il vuoto che si crea una volta finiti gli studi: occorre creare un ponte tra la formazione e il mondo lavorativo tramite il potenziamento del servizio di tutoring di AFOL Metropolitana. Dalla fine della formazione professionale e tecnica si viene presi in carico da un tutor, formati e seguiti per il periodo di un anno nella ricerca del primo impiego.

Il secondo problema è la disoccupazione dilagante. Sul modello dell’istituto legislativo LSU (Lavori Socialmente Utili), il Comune deve bandire un avviso per cercare lavoratori in cassa integrazione/mobilità disponibili – nell’ambito dei quartieri di residenza – a fungere da “antenna segnaletica” e “tutor di quartiere” nei confronti di  giovani disorientati/sfiduciati che hanno abbandonato il ciclo formativo senza intraprendere percorsi alternativi. Tali segnalazioni saranno veicolate all’agenzia metropolitana per la formazione e l’orientamento e il lavoro (Afol) che (in qualità di agenzia partecipata dal comune), contatterà la famiglia (se minore) o il ragazzo per proporre azioni di sostegno e proposte di alternanza lavoro/scuola (botteghe/laboratori di lavori manuali) seguiti da tutor professionali di Afol.

 

TEMPORARY ATELIER:

Laboratori professionali per lavoratori creativi e artigiani realizzati all’interno di capannoni industriali dismessi e rivolti ia giovani interessati a praticare hobbies con fini professional-lavorativi quali: musica, arti figurative difficili da realizzarsi nelle proprie abitazioni o addestrarsi in attività artigianali.

 

BANCA DATI DEI “LAVORETTI”:

Afol Metropolitana potrebbe duplicare il proprio software di matching lavorativo per fare incontrare i giovani con attività lavorative generalmente gestite in nero con passa parola (baby sitter, innaffio piante, serate/manifestazioni, consegne a domicilio, ecc.).

 

AFFITTI AGEVOLATI:

Istituire un accordo tra l’amministrazione e i proprietari di spazi commerciali sfitti: da una parte sgravi fiscali comunali per i proprietari, dall’altra affitti agevolati per le giovani imprese.

 

CROWDFUNDING:

Costruire una piattaforma comunale che abbia come scopo il supporto e il sostegno privato alle giovani imprese a vocazione tecnologica della città. Mettere in contatto e garantire trasparenza tra i giovani imprenditori e i privati cittadini.