Radicalmente avanti Radicalmente avanti
Partito Democratico | Beppe Sala

Movida act

Movida

 

L’idea di fondo è quella di cambiare il paradigma con cui viene pensata la questione:

stiamo parlando di un comparto economico strategico per la città di Milano che come tale va trattato. Basta considerare la Movida soltanto come disagio e problemi di ordine pubblico.

 

La mia proposta è quella di un Movida-Act, un pacchetto di proposte che semplifichi la vita ai gestori dei locali, che garantisca la qualità della vita notturna milanese e combatta l’infiltrazione mafiosa, che compensi i disagi creati durante la notte e il giorno dopo con una serie di proposte semplici ma di immediata efficacia.

Le seguenti proposte saranno aggiornate, modificate, completate durante il periodo di ascolto che sto portando avanti con gli operatori del settore e saranno parte integrante del Movida-Act che presenterò una volta eletto.

  1. Prolungamento orario di apertura notturna, al contrario di quello che si pensa, i locali aperti garantiscono ordine pubblico.
  2. La creazione dei distretti della movida a cui sia affidatà la promozione marketing dell’area, gestione dei flussi e il rapporto con il comune, facilitando pedonalizzazioni temporanee, eventi musicali e manifestazioni.
  3. Elaborazione di un accordo quadro tra comune e SIAE per gestori e organizzatori, che semplifichi l’organizzazione di eventi di musica live ed eviti costanti e frustranti controlli, abbassando i prezzi.
  4. Elaborazione di un piano organico di gestione dell’ordine pubblico con la questura, che da un lato garantisca presenza di agenti nelle aree interessate per non abbandonare i gestori nella gestione dell’ordine pubblico.
  5. Nuovo accordo sindacale con gli agenti di polizia locale per una loro maggiore presenza nelle aree di movida per prevenire commercio abusivo e sosta selvaggia. In totale collaborazione con i gestori dei locali.
  6. Steward di via. Sicurezza privata pagata dai locali dell’area che contenga schiamazzi e risse e in costante contatta con le forze dell’ordine per calibrare al meglio gli interventi.
  7. Promozione di un bollino comunale antimafia, sul modello “Pizzo Free” .
  8. Costruzione di bagni pubblici e orinatoi nelle aree della movida.
  9. Vuoto a rendere per bottiglie e bicchieri di vetro.
  10. Un assessorato alla Movida.

 

Per scrivermi suggerimenti o migliorare le proposte: giacomo.marossi@gmail.com